Proseguono le sfide sempre decisive ad Euro 2024. Oggi si disputano tre match. Si comincia con la gara da dentro o fuori tra la Georgia e la Repubblica Ceca alle 15, entrambe chiamate a fare punti dopo aver perso contro Turchia e Portogallo.

Il test è in programma al Volksparkstadion di Amburgo, tra la squadra di Willy Sagnol e quella di Ivan Hasek per la seconda giornata del Gruppo F.

La Georgia punta al terzo posto dopo l’ottima prova contro la Turchia, persa 3-1 anche se ben giocata. Per sperare nel ripescaggio dovrà fare i conti con i cechi che hanno sfiorato l’impresa con il Portogallo che si è imposto in rimonta 2-1.

Sagnol punterà sulla sua stella Kvaratskhelia, supportata in avanti da Chakvetadze e Mikautadze.

Mentre Hasek avrà Schick come punto di riferimento in attacco.

TURCHIA-PORTOGALLO

A seguire andrà in scena la sfida tra Turchia e Portogallo: chi avrà la meglio potrà chiudere in testa al gruppo F.

Vincere vuol dire blindare la qualificazione agli ottavi di finale e confermarsi tra i protagonisti di Euro 2024.

Entrambe le formazioni hanno trovato difficoltà per vincere la prima gara, ma la Turchia nel finale con la Georgia ha trovato anche la terza rete, mentre i lusitani hanno trovato il gol del successo in pieno recupero con Francisco Conceicao.

Il match del Westfalenstadion vedrà sfidarsi due squadre comunque piene di talento.

I turchi di Montella potranno contare sul giovane juventino Yildiz, oltre al talento del Real Madrid Arda Guler, classe 2005, autore di un gran gol nella prima sfida, e che farà parlare di sé nel prossimo decennio. Tra le linee anche il trequartista Kokcu, a supporto dell’unica punta Baris Yilmaz, mentre in regia giocherà il fuoriclasse interista Hakan Calhanoglu. Qualche novità potrebbe esserci in casa portoghese con il ct Roberto Martinez che in attacco – al fianco del solito Cristiano Ronaldo – potrebbe schierare Diogo Jota al posto di Leao. Ma occhio anche a Conceicao. A centrocampo sicure le conferme per Bernardo Silva e Bruno Fernandes, affiancati da Vitinha.

BELGIO-ROMANIA

Ultima sfida del sabato quella tra Belgio e Romania che si disputerà alle 21 a Colonia per il gruppo E.

La squadra guidata da Domenico Tedesco dovrà necessariamente rialzarsi dopo la sconfitta all’esordio contro la Slovacchia e cercherà di farlo con diversi cambi di formazione, mentre la Romania conferma l’11 che ha battuto nettamente l’Ucraina. Il Belgio è costretto a vincere per evitare spiacevoli sorprese mentre la Romania potrebbe anche accontentarsi di un pareggio.

Tedesco dovrebbe schierare subito in difesa l’esperto Vertonghen, mentre sull’out di sinistra non dovrebbe essere ripetuto l’esperimento Carrasco. A centrocampo Tielemans potrebbe prendere il posto di Mangala, insieme a Onana e De Bruyne. In attacco De Ketelaere e Openda insidiano Trossard e Doku, alle spalle di Lukaku.

La Romania di Iordanescu darà in attacco spazio al centravanti Dragus, affiancato dal parmense Man. Buone individualità anche in difesa con l’ex genoano Dragusin.