Lunedì 1° luglio si è alzato il sipario sull’edizione 2024 del torneo sull’erba di Wimbledon. Saranno due settimane di grande tennis fino alle finali del 13 e 14 luglio, che decreteranno chi succederà nell’albo d’oro del torneo a Carlos Alcaraz nel singolare maschile e a Markéta Vondrousova in quello femminile.

Prospettiva maschile

Tra gli uomini ci sarà una sfida serrata tra Jannik Sinner, numero uno del mondo, lo spagnolo Alcaraz campione uscente e il mai domo Novak Djokovic, attualmente numero 2 Atp, ma intenzionato a vendere cara la pelle dopo il ko dello scorso anno in finale al quinto set contro l’iberico.

Grande attesa, ovviamente, per Jannik Sinner che disputerà il suo primo Slam in carriera da numero uno del mondo, posizione che ha conquistato nel corso del Roland Garros, a scapito di Novak Djokovic.

Sinner ha superato il primo turno battendo il tedesco Yannick Hanfmann in quattro set, faticando forse un po’ più del previsto, e ora al secondo turno se la vedrà con l’amico Matteo Berrettini, che ha avuto la meglio sull’ungherese Marton Fucsovics in quattro set, dopo aver anche chiamato un medical time out.

Percorso Sinner

Sinner – in caso di successo su Berrettini – potrebbe sfidare Griekspoor in un possibile terzo turno per poi trovare l’americano Shelton agli ottavi, Dimitrov o Medvedev ai quarti, prima della possibile rivincita contro Alcaraz, di nuovo in semifinale come a Parigi.

Un tabellone durissimo per l’altoatesino che deve anche difendere i punti ottenuti con la semifinale raggiunta nella scorsa edizione e persa contro Djokovic. Il sorteggio del tabellone ha posto Sinner dalla stessa parte di Carlos Alcaraz, campione in carica a Wimbledon e vincitore dello scorso Roland Garros.

Lo spagnolo ha superato senza troppi problemi l’estone Mark Lajal in tre set nel suo esordio: ora l’ostacolo Vukic, apparentemente non irresistibile. Avanza al secondo turno anche Fabio Fognini che ha avuto la meglio su Van Assche in tre set 6-1, 6-3, 7-5 e ora giocherà contro Casper Ruud. Il norvegese, n.8 del seeding, in tre set ha battuto il qualificato australiano Alex Bolt.

Niente da fare invece per Matteo Arnaldi che esce di scena al primo turno contro lo statunitense Frances Tiafoe, al quinto set e dopo aver sprecato un vantaggio di due. Buon esordio anche per Lorenzo Sonego invece. L’azzurro, numero 54 del mondo, si è imposto sull’argentino Mariano Navone, in tre set.

Prospettiva femminile

Tra le donne non ci sarà una delle possibili protagoniste – Aryna Sabalenka – che ha dato forfait a poche ore dal suo esordio. La bielorussa, numero 3 del mondo e terza testa di serie, ha rinunciato al torneo a causa di un infortunio alla spalla.

Al posto di Sabalenka parteciperà la ripescata come lucky loser la russa Erika Andreeva, numero 101 del ranking Wta. Tra le italiane, esordio vincente per Jasmine Paolini.

L’Azzurra, numero 7 del mondo e del seeding, ha superato la spagnola Sara Sorribes Tormo, numero 55 del ranking Wta, con il punteggio di 7-5, 6-3. Eliminata Martina Trevisan, sconfitta da Madison Keys 6-4, 7-6 (7-4).

Out anche Sara Errani. La tennista romagnola, numero 86 del mondo, ha perso la sfida contro la ceca Linda Noskova, numero 26 del seeding, con il punteggio di 7-6 (7-3) 6-1.